Il Decreto 4 aprile 2023, n. 59, regolamento recante: “Disciplina del sistema di tracciabilità dei rifiuti e del registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ai sensi dell’articolo 188-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152”, contiene 24 articoli e le Disposizioni generali con il rimando alle definizioni della parte IV del D.Lgs. n.152/2006 (Testo unico ambiente – TUA) ED è in vigore dal 15 giugno 2023.

Il Decreto Direttoriale n.143 del 6 novembre 2023 definisce le modalità operative per la trasmissione dei dati al RENTRI, il sistema di tracciabilità dei rifiuti gestito dal MiTE con il supporto tecnico-operativo dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali.

L’operatività ufficiale del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti e del RENTRI decorre dal 15 dicembre 2024.

Termini per l’iscrizione dei produttori iniziali di rifiuti:

  • a partire dal 15 dicembre 2024 ed entro il 13 febbraio 2025 gli enti o imprese produttori iniziali di rifiuti speciali per icolosi e non pericolosi con più di 50 dipendenti;
  • a partire dal 15 giugno 2025 ed entro il 14 agosto 2025 gli enti o imprese produttori iniziali di rifiuti speciali per icolosi e non pericolosi con più di 10 e fino a 50 dipendenti compresi;
  • a partire dal 15 dicembre 2025 ed entro il 13 febbraio 2026 gli enti o imprese produttori iniziali di rifiuti speciali per icolosi con un numero di dipendenti inferiore o uguale a 10;
  • i produttori di rifiuti speciali pericolosi non rientranti in organizzazioni di ente e impresa sono tenuti a iscriversi a decorrere dal 15 dicembre 2025 ed entro il 13 febbraio 2026, a prescindere dal numero di dipendenti.

Dalla data di iscrizione, l’ente o l’impresa è tenuto alla trasmissione al RENTRI dei dati contenuti nel registro di carico e di scarico.

l Ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica ha avviato una fase sperimentale, su base volontaria, del RENTRI per avvicinare gli utenti al sistema RENTRI in modo che questi possano familiarizzare con le procedure e gli adempimenti e, laddove necessario, migliorarne l’usabilità prima dell’avvio in effettivo. La sperimentazione avviene tramite un’area dimostrativa, RENTRI-DEMO, con regole d’accesso e funzionalità analoghe a quelle del portale ufficiale, e, oltre a consentire la risoluzione tempestiva di eventuali aspetti tecnici legati all’uso del sistema informativo, permette agli utenti interessati di analizzare le informazioni che dovranno essere trasmesse in sede di registrazione, di verificare le funzionalità per la tenuta dei registri cronologici di carico e scarico in formato digitale, di verificare le funzionalità per la vidimazione e emissione dei nuovi formulari di identificazione del rifiuto in formato cartaceo, di testare le regole e le procedure per l’interoperabilità tra i sistemi informativi degli utenti e RENTRI.

Di seguito i link alla documentazione utile:

AITAL, aggiornato al 17/04/2024